Crea sito

Roby, punto e a capo!

di Roberto Minnocci  – 

“Intervista a Roberto De Franceschi sulla stagione appena conclusa e quella che verrà.”

PhotoBass

Dopo il primo scudetto giovanile della storia dell’Academy Nettuno non ci si è persi in chiacchiere, né tantomeno in troppi festeggiamenti. Si è guardato immediatamente al futuro, programmando fin da subito la nuova stagione, con la voglia di ripartire da quanto di buono è stato realizzato, ma anche con la consapevolezza che si dovrà continuare a lavorare duro per restare ai vertici. Punto e a capo! Coppe, allori e medaglie fanno bella mostra in bacheca, ma è già ora di fare spazio ad altri trofei, con nuovi stimoli e ulteriori obiettivi. È questa l’aria che tira al Pala Academy, dove è già in fase avanzata la preparazione invernale e dove abbiamo incontrato il presidente Roberto De Franceschi, sempre indaffarato a pianificare il baseball che verrà.

Allora, Roby, lo scudetto è già alle spalle, ma quanto è stato importante?

  • “Diciamo che è stato un punto di arrivo della nostra società, che ha effettuato un percorso di crescita, dalla nascita ad oggi, proprio assieme a questa squadra vincente, con cui abbiamo chiuso il primo ciclo della nostra storia, firmandolo con uno scudetto da associare a questi formidabili ragazzi del 2000. Complimenti a tutti i componenti del Team Under18, dallo Staff ai giocatori, ma ora siamo già proiettati al 2018, per difendere il titolo italiano e programmare nuovi traguardi; abbiamo un gruppo molto unito e competitivo, che non ha grandissime punte, ma fa del livello medio molto alto la sua forza. Tanti di loro potranno gareggiare ancora un anno in questa categoria, mentre quelli che non rientreranno più negli U18 li ricollocheremo nelle categorie Senior, cercando di trovare le soluzioni più idonee al loro percorso di crescita, visto che non ci sarà più l’Under21.”

La Under15, invece, si è fermata alle soglie delle Final Four, cosa non è andato?

  • “Noi puntavamo molto su questa formazione, sfortunatamente siamo incappati in un quarto di finale con un accoppiamento prematuro e insidioso, perdendo una partita che ci ha penalizzato oltre i nostri demeriti; il livello di questa categoria era molto alto, però credo che i nostri ragazzi avrebbero ben figurato in una eventuale finale, che purtroppo non c’è stata. Comunque, almeno in ambito regionale ci siamo confermati ai vertici, con la vittoria nelle finali di Coppa Lazio, dove avremmo potuto portare entrambe le nostre squadre, ma il regolamento non ce lo ha consentito, quindi ci siamo presentati con un unico team, dando spettacolo con tutti i ventitre componenti del roster e vincendo la coppa regionale. Tutto sommato siamo soddisfatti della crescita generale dei due gruppi, avendo gettato le basi per competere ad altissimi livelli anche nella prossima stagione.”

Per quanto riguarda i ragazzini U12, si poteva fare meglio?

  • “No, è stata un anno di transizione, ma i ragazzi hanno messo in mostra delle buone doti, giocando spesso allo stesso livello delle formazioni più quotate ed esperte; avevamo due squadre, di cui una di età media molto bassa, con l’obiettivo di fare esperienza e prepararci a fare il salto di qualità nel prossimo anno; siamo contenti del grande lavoro svolto dagli staff tecnici, che hanno dimostrato competenza e preparazione in questa categoria di giovanissimi, senza dimenticare anche i piccoli Esordienti, già pronti al ricambio generazionale, sempre per merito dei nostri allenatori. Nel 2018 punteremo ai traguardi più alti, cercando di ottenere i migliori risultati da un gruppo che reputo di buon livello.”

E allora, il 2018 è alle porte, cosa vi aspettate di ottenere?

  • “Ai nastri di partenza schiereremo le otto squadre canoniche, con cui giochiamo a livello agonistico nazionale da qualche anno ormai. Abbiamo allestito un gruppo Esordienti con tanti nuovi iscritti , oltre a due formazioni U12, di cui una molto competitiva e l’altra che proviene dal minibaseball, che non vedo l’ora di vedere all’opera, conoscendo il grande lavoro svolto con questi bambini. Poi, avremo due teams U15: il primo punta decisamente al titolo, dopo l’ottimo percorso effettuato in questa stagione, mentre l’altro, proveniente dalla classe inferiore, si preparerà al salto di categoria. Negli Under18 stessi numeri, con due formazioni al via; non dico niente per scaramanzia, ma siamo detentori del titolo e cercheremo di difenderlo con le unghie e con i denti, la squadra è di altissimo livello e ci aspettiamo buone prestazioni. Infine avremo un team Cadette Under16 di Softball, finalmente completo e tecnicamente valido, che si sta preparando con allenamenti specifici, per ottenere risultati all’altezza delle aspettative. Gli Staff Tecnici, che non finiremo mai di ringraziare, per i grandi risultati conseguiti lo scorso anno, sono già impegnatissimi a preparare la stagione che verrà, con la solita tenacia e competenza. Anche io e Leo Mazzanti stiamo lavorando tantissimo e cercheremo di seguire e supportare tutte le squadre, come abbiamo sempre fatto, anche se qualcuno ci ha accusato di non esser stati abbastanza presenti, ma abbiamo tante squadre e tantissimi giocatori ed è difficilissimo star dietro a tutti con assiduità; però posso assicurarvi che noi ce la metteremo tutta, per dare le migliori opportunità a tutti e per portare il nome dell’Accademia più in alto possibile, sperando di mettere altri importanti trofei in bacheca!”

 

(248 visite)