Crea sito

International Youth Academy!

di Roberto Minnocci  – 

“Leonardo Mazzanti ci parla dei progetti internazionali dell’Academy Nettuno Baseball.”

Nick PupoUno dei tanti progetti che l’Academy Nettuno Baseball sta portando a compimento è relativo all’espansione sportiva del proprio marchio. Un ampliamento in termini di visibilità, immagine e prestigio, con degli obiettivi già ampiamente raggiunti in ambito locale e regionale. Ora si sta lavorando su dei programmi a più ampio respiro su scala nazionale e internazionale. Sono stati stretti rapporti di collaborazione con gli inglesi dei London Mets, con cui è stato stabilito un accordo, da definire, per un camp estivo a Londra; mentre, notizia in anteprima,  è quasi certa la partecipazione di due Team Academy al torneo spagnolo di Valencia che si svolgerà nella prossima estate; nel frattempo, in questi giorni, si stanno intensificando i contatti con l’organizzazione statunitense di scouting di Lenny Randle e Nick Pupo, i quali stanno effettuando degli stage conoscitivi, nel corso degli allenamenti invernali al Pala Academy. Il vice presidente societario, Leonardo Mazzanti, ci spiega i propositi pianificati:

“Si, stiamo lavorando molto per poter ampliare il nostro raggio d’azione. Il baseball, in questo momento, ha bisogno di idee, progetti e tanto coraggio. Con la filosofia che ci contraddistingue stiamo tessendo alcune collaborazioni internazionali, che potrebbero portarci ad aprire nuovi orizzonti tecnici e formativi, di vitale importanza per la nostra crescita. Recentemente abbiamo avuto una settimana molto intensa, allenandoci e giocando alcune gare con i London Mets, con cui abbiamo allacciato un ottimo legame di amicizia e a cui contiamo di render visita prossimamente. Al termine della Regular Season confidiamo di partecipare ad alcuni tornei europei, tra cui quello di Valencia in Spagna, per la cui realizzazione ci sono delle grandi chance. Adesso stiamo ospitando nelle nostre strutture Lenny Randle e Nick Pupo, che fanno capo a un organismo di scouting d’oltreoceano, con cui ci stiamo confrontando su metodi e tecniche di allenamento per le categorie Youth. Paradossalmente, Nick, è rimasto piacevolmente sorpreso dal livello di base dei nostri ragazzini, che ha trovato già ben impostati tecnicamente; per noi, che a differenza loro non abbiamo i bambini sempre disponibili, è fondamentale realizzare un programma tecnico più compresso, e questa, per lui, è stata una interessante novità.  Abbiamo ricevuto molti complimenti per i nostri metodi di lavoro e per i risultati, ben visibili nei movimenti in campo, dei nostri ragazzi; inoltre, devo dire con orgoglio, che hanno preso molti appunti su alcune tecniche che usiamo, in particolare quelle per migliorare velocità ed esplosività. Insomma, abbiamo tanto da imparare, però non partiamo certo da zero, e nel corso della stagione ci sarà un passaggio continuo di informazioni, sia con Lenny che con Nick, per lo sviluppo dei nostri Staff Tecnici e dei nostri Giocatori, che ci aiuterà a migliorare ulteriormente. Naturalmente noi speriamo che questa collaborazione ci porti oltre i nostri confini, al di là dell’Atlantico, dove è nato il baseball. Il nostro fine è quello di uno scambio culturale e sportivo, partecipando a dei tornei di prestigio negli Stati Uniti e, nel contempo, dando a loro la possibilità di venire da noi a visionare i nostri migliori prospetti. E chissà, che possa nascere qualcosa di importante per il baseball italiano! Vedere un altro Alex Liddi in Major League farebbe piacere, soprattutto se questa volta fosse di Nettuno!”

 

 

(596 visite)