18 Aprile 2024

di Roberto Minnocci  – 

“So’ finite l’Olimpiadi, e er Besbo non c’era, ma noi avemo giocato lo stesso.”

Pic 364

Finarmente so’ finite, e mo’ se rivedemo fra quattr’anni. L’Olimpiadi so’ quea cosa che, a noi che ciavemo ‘a panzetta, ce fa’ diventà ‘mprovvisamente competitivi, puro se nell’urtimi vent’anni amo partecipato solo a a gara de rutto co’ ‘a bocca aperta, dopo a quarta bira che se semo scolati ar pub, a e due de notte. Mo’ se stamo a fomentà tutti co’ e stoccate, i sciutof, l’ippon, co’ l’orgojo patriottico che te faceva molla’ a fetta de panzanella su a tovaja durante l’inno de Mameli, mentre er rivoletto d’oio te colava all’angolo de a bocca ar posto de a lacrima. Ma che voi fa’, semo italiani, popolo de santi, de navigatori e de sportivi da divano. Mo’ ce sta er vicino de casa che ha ‘nfirzato pure a bandiera ‘n mezzo ar giardino, propio vicino a a graticola, e ‘o sentivo strilla’ durante e gare de lotta; io stavo sdraiato sur letto a smarti’ er cocomero e m’ero addormito guardanno e finali de Gorf, l’unico sporte che somija ‘n po’ ar Besbo, ma t’appennica de brutto; vabbè, ormai m’aveva svejato e allora me so’ sbrigato a cambià’ canale, ao’ ce stavano du’ fregni co ‘n completino alla fratelloni Abbagnale, uno era nero e ‘n artro ‘n se capiva da ‘ndo cazzo se ne veniva; stavano tutt’e due capoccia contro capoccia cercanno de strappasse er costumino de dosso; me faccio: “ma ‘ndo cazzo sta l’italiano?”; poi er telecronista me spiega che l’italiano ce sta, però prima era cubano, arivato ‘n Italia ‘n se sa come, ‘nsieme ar pallavolista, ar quattrocentista, ar tronista; è tutta na ista pe vince e medaje, hai capito!? Come quella d’oro che ha vinto er tiratore co a carabina, quanno io e Christia’ stavamo attaccati ar lampadaro a smarti’ a scarica de adrenalina, e er vincitore che te fa!? Fa ‘n mezzo sorisetto co a bocca storta, che pareva che j’avevano bloccato e ferie de feragosto; ‘n ce se crede; ao’ hai vinto; armeno ‘na scuregetta pe’ festeggia’, falla, eccheccazzo!! Perfino er fijo der vicino s’è sentito che diceva: “a pa’, mesà che ancora nu ‘o sa de a medaja”; e er padre: “’o sà, ‘o sà, quessi ormai co’ tutti si botti ‘n senteno più gnente”. Ma dimme te, l’emozione attappata cor cerume! Comunque, gnente Besbo a Rio e gnente dirette Rai, però noi avemo giocato lo stesso, co ‘e squadre de regazzini e co e finali scudettate dell’omi più grossi, e se ‘nformavamo co’ feisbuc e uozzap. ‘E notizie arivavano a tutte l’ore, co’ sto pòpò de tecnologia, anche se ce voleva l’interprete de cirillico pe’ capi’ i messaggi: “sur ponte de rancio ce sta DeGiacobia”. Ando’ sta?! Ma chi cazz’è?! Pare che volesse di’: “sul monte di lancio…”! Dice, è er Tinove che fa o splendido, e cià ragione, pur’io ho provato tre vorte a scrive: “dammi il risultato finale”, e m’usciva sempre “fammi l’esaltato mentale”, fino a che nun j’ho arzato a voce e s’è messo a scrive bene; a sti smartefon je devi ‘mbrutti’ subito, sennò fanno come je pare. ‘Nsomma, ariva a notizia che avemo vinto er torneo de Collecchio de Besbo coi pischelletti, allora esurto come a o stadio, e mi madre me fa: “ma che avemo vinto ‘n’antra medaja?”; e io: “a ma’ er Besbo all’Olimpiadi ‘n ce sta, ha vinto l’Academy, quelli de Nettuno”; me fa: “ ma che ce stava puro Christia’?”; je faccio: “no, Christia’ nun gioca più, mo’ s’è messo a sona’ a ghitara, ieri t’ha fatto senti’ pure -uisciu uerir-, ma che ‘n t’o ricordi più?”; e lei, confusa: “ma chi so’ si fregni, che vinceno pure senza anna’ all’Olimpiadi! Ma che sta a succede’. Er Besbo era mejo prima!” Come daje torto! ‘A saggezza de i vecchi. Ce stava perfino er Badminton ‘n Brasile, e noi stavamo a asciuga’ e pozzanghere ‘n varpadana a l’or de notte, prima che s’addormissero tutti sopra ‘o scudetto. M’è venuto er magone. Meno male che so’ finite ‘ste cazzo d’Olimpiadi. Er canale de Raisport ha ricominciato cor Tamburello e cor Bijardo. Er vicino ha ripiegato a bandiera, ma s’è tenuto a graticola pronta, ‘n se sa mai, du sarcicce ar volo. Mi madre se sta a senti’ na cassetta dei Pinche Floidde, tanto ‘sto Besbo moderno nu’ ‘o capisce più. Io me sto a ‘ngoscia’, ar pensiero che a Tochiodumilaeventi me dovrò arza’ a e quattro ve vedemme ‘na partita de Mazzapicchio olimpico. Boh! Chisà che ore saranno ‘n Giappone stamattina. E ‘ntanto qua provamo ancora a gioca’, anche se piove sempre più spesso a ‘sto cazzo de paese!